Make your own free website on Tripod.com

 

MUSEO CIVICO DI  ROVERETO

La curiosità

 

Il vitello, imbalsamato, a due teste nato ad Aldeno nel 1954 e il grande pannello semicircolare con 195 esempi di pietre italiane:

dal mandorla rosato di Verona allo zebrino dell’A puania, dalla pietra tenera diArco alla stalattite gialla di Gorizia.

 

Rovereto è l’Atene del Trentino come veniva chiamata nel secolo dei Lumi? Basterebbe questo museo per concordare: il Civico di Rovereto è infatti un compendio della vita culturale e scientifica della città, attraverso i secoli. Sempre aggiornato, per non diventare una vetrina muta. Ma ricco di sorprese, vivo, pronto a soddisfare chi fa della curiosità il motivo di una visita. Dentro il prestigioso Palazzo Parolari è tutto un susseguirsi di preziosità. Ecco le collezioni mineralologiche, paleontologiche, zoologiche e botaniche, artistiche e numismatiche dell'archeologo rovetano Paolo Orsi. Ecco la sezione dedicata ai dinosauri, che in quella zona hanno lasciato un affascinante percorso con centinaia di orme impresse sui calcari grigi ai Lavini di Marco, sulle pendici del monte Zugna. La testimonianza storica è a strati: le collezioni del secolo scorso, la preistoria, ma dal museo partono pure le visite guidate alla villa Romana di Isera. Ogni tanto vale la pena di staccare il naso da terra. Grazie al Planetario è possibile sfogliare le affascinanti pagine del libro celeste su una cupola di 6 metri di diametro dove si proiettano tremila stelle, il sole, la luna, e i pianeti. Sempre il museo poco lontano, gestisce il suo fiore all'occhiello: l'osservatorio astronomico situato sul monte Zugna a 1620 metri di quota, con il suo telescopio.